Home Home
 
 
 
 
 
 
SHELDON - MISSIONE 02 RSS SHELDON - Missione 02

02.03 "Alec Blake - Tra A.I. impazzite e Sacri Cristalli.."

di Alec Blake, Pubblicato il 18-10-2019

Spazio sconosciuto - Nave Talassiana
30/7/2399 ore 20.50


"Era proprio necessario sedarla?" Chiese Rush osservando la dottoressa, mentre insieme a Pippo stava creando un perimetro difensivo attorno alle due. "Forse ci avrebbe saputo spiegare cosa diavolo è successo qui dentro"
Cruz era ancora china sulla Talassiana profondamente addormentata con il tricorder in mano.
"Ha subito un grosso stress neurale" disse la dottoressa mentre si risollevava, riponendo lo strumento nella fondina al fianco "L'unica cosa che avremmo potuto ottenere sarebbero state solo frasi sconnesse. Senza considerare il pericolo di essere attaccati a nostra volta" sfiorò il comunicatore posto sul suo petto "Sheldon qui Cruz, sembra che la nave sia stata colpita da una scarica di antimateria. Richiedo teletrasporto in infermeria per una Talassiana ferita"
La risposta dalla nave non si fece attendere molto
=^= Quì Comandante Faith. Al momento siamo leggermente impegnati, stiamo tentando di non morire male, ma saremo presto da voi.. radunate gli eventuali sopravvissuti e tenetevi pronti, vi recupereremo tutti insieme. Fate il possibile. Faith chiudo!=^=
Sentita la comunicazione i tre si guardarono l'un l'altro valutando il da farsi il primo a rompere il silenzio fu il capo operazioni "Io mi dirigo in plancia e cerco di recuperare il maggior numero di dati riguardanti la missione della nave e cosa è successo"
Pippo e Cruz annuirono "Noi cercheremo i sopravvissuti. Ci troveremo qui tra un quarto d'ora per il rientro" detto questo i tre si separarono, diretti ognuno ai propri compiti.

Spazio sconosciuto - Sheldon
30/7/2399 ore 20.50


"In tanti anni sono stato chiamato in tanti modi, ma infestazione mai." Sibilò Blake al timone della nave.
"In effetti mi sembra un po' eccessivo... Spina nel fianco... Scocciatura. Quello mi sembra più appropriato" Rispose un minisheldon traslucido seduto sulla console di fianco a lui, osservando lo schermo.
"Giuro che prima o poi lo formatto..." Blake tolse qualche secondo gli occhi dal monitor della console osservando Sheldon per poi rispondere quasi sibillino "Io fossi in te non sarei così tanto tranquillo" indicò la nave Talassiana davanti a loro "Non mi sembra che la nave sia in condizioni molto migliori del suo equipaggio"
Kelley stava monitorando la situazione davanti a loro in attesa della prossima mossa da parte della sonda o della base "In effetti Alec non ha tutti i torti. Si professano centro di controllo per la preservazione della tecnologia e hanno praticamente reso inutilizzabile quella nave."
=^= Forme organiche abbandonate la nave o verrete epurati=^=
"Signore rilevo l'attivazione di un cannone ad antimateria sulla stazione" fece rapporto Kelley dopo che la sua console aveva iniziato ad emettere un allarme.
"Maledizione" Esclamò Faith alzandosi in piedi "Allarme rosso! Prepararsi allo scontro! Chiedete alla squadra quanto tempo occorre prima del rientro!"
Su tutta la nave si attivarono gli allarmi e una luce rossa intermittente illuminò la plancia. All'esterno della nave della grosse paratie si estesero dagli anelli esterni andando a coprire le zone sensibili della nave, stessa cosa per le vetrate frontali della nave che vennero sostituite da uno schermo tattico che evidenziava la nave talassiana, la base stellare e la sonda posta davanti a loro.
Dalle varie console gli ufficiali presenti iniziarono i vari rapporti
"Scudi difensivi attivati"
"Manovre evasive pronte"
"Cannone a protoni in carica. Phaser e Siluri pronti al fuoco"


Pianeta Xandros - Luogo sconosciuto
30/7/2399 ore 21.00


"So quali sono le vostre paure, ma non dovete temere nulla da noi Comandante Rezon"
Il primo ufficiale della nave spalancò gli occhi sentendosi chiamare per nome.
"Lei ci conosce?" chiese stupito Kyel mentre faceva spaziare lo sguardo sui vari presenti in quella strana città
Cassilda annuì "Vi conosco dal momento in cui avete messo piede su Xandros" fece un flebile cenno ai due federali mentre la squadra di uomini dalle lunghe tuniche si prendeva cura di Paul.
"Io sono la matriarca di Xandros e sono in comunione con ogni essere che c'è sul pianeta" guardando i loro sguardi stupiti si fermò un po' per spiegare meglio il concetto "Voi la chiamereste telepatia" sorrise a Kyel "Stranamente la tua mente sembra avere una sorta di protezione che non conosco, ma i tuoi colleghi sono libri aperti per me.." lentamente si avvicinò al centro della città seguita a stretto giro dai due uomini.
"Noi Leithiani siamo un popolo molto antico, purtroppo un giorno la stella che scaldava il nostro pianeta terminò il suo ciclo vitale e la vita sul nostro pianeta divenne impossibile. Mandammo nello spazio alcune navi alla ricerca di un pianeta che potesse ospitarci."
Kyel ed Amir poterono vedere un velo di malinconia oscurare il viso di Cassilda mentre raccontava la storia del suo pianeta natale.
"Non so se le altre navi hanno mai raggiunto un pianeta ospitale" allargò le braccia ad indicare la città attorno a loro "Noi siamo naufragati su questo pianeta. Quando siamo atterrati il pianeta era un deserto, ma al nostro arrivo i sacri cristalli hanno modificato il pianeta per renderlo abitabile alla nostra razza" si incupì leggermente "Almeno fino ad ora. Ora i Chenot si sono risvegliati. Si tratta di esseri che erano presenti ancor prima che noi arrivassimo.. probabilmente da quando il pianeta era ancora in formazione. Sono in grado di vivere a temperature per noi inavvicinabili. Ogni ottant'anni fanno la loro comparsa e decimano la nostra popolazione per poi scomparire senza lasciare tracce" strinse le labbra mordendole tra i denti "Ma ora siete giunti voi. Le leggende dicono che i viaggiatori delle stelle sarebbero venuti per portare la pace tra noi e i Chenot...."
Mentre stavano ancora parlando uno dei cristalli vicino a loro iniziò a pulsare e dopo poco una squadra di donne Leithiane apparve davanti ai loro occhi come se fossero state teletrasportate. Due di loro sorreggevano una terza donna la cui gamba era in una posta sicuramente non naturale.
Una delle donne prese la parola "Somma Cassalida, siamo riuscite a trovare la nave ma siamo state attaccate da uno stormo di Myr e Tria si è sacrificata" disse aiutando la donna ferita e facendola stendere su uno dei cristalli.
"Scusatemi prescelti" proruppe Cassalida mentre si avvicinava alla donna ferita "Giovane Tria, ti sei cacciata nuovamente nei guai eh?" spostò una ciocca dei lunghi capelli biondi della donna dal suo viso e poi estrasse un cristallo dalla tunica e lo appoggiò alla testa della donna per poi attivarlo. Il cristallo emise un breve lampo e nulla più. Tria giaceva ora morta sul lettino. Fece un cenno alle donne che l'avevano accompagnata e queste, dopo aver sospinto il lettino verso uno dei cristalli ve la chiusero dentro per poi attivarlo.
"L'ha uccisa!" esclamò Hussen cercando di avvicinarsi "Perché? Aveva solo una gamba rotta anche senza cure si sarebbe rimessa nel giro di qualche settim....." un cenno del suo primo ufficiale lo fermò dal continuare "Non possiamo intervenire nelle decisioni di culture a noi esterne" anche se lui fremeva per la rabbia vedendo morire la ragazza
La ragazza all'interno del cristallo venne lentamente ricoperta da microcristalli per poi scomparire totalmente dalla vista dei presenti.


Spazio sconosciuto - Nave Talassiana - Livello Scientifico
30/7/2399 ore 20.55


La dottoressa Cruz camminava per i vari corridoi della nave mantenendo fisso davanti a lei il tricorder in scansione continua "Senza i sensori interni dovremo battere tutta la nave alla ricerca dei superstiti" al suo fianco camminava l'ufficiale tattico che, con il phaser in pugno, controllava ogni singola stanza prima di far entrare la dottoressa.
"Forse ho trovato qualcosa" Esclamò Cruz indicando una porta mostrando il tricorder a Pippo "Laggiù rilevo un segno vitale, ma è parecchio debole potrebbe essere un residuo energetico dell'attacco che hanno subito"
Jekins annuì portandosi vicino alla porta attivando l'apertura "Niente da fare deve essersi bloccata. Stia indietro, provo a tagliarla con il phaser" settato il phaser riuscì con rapidi colpi ad isolare il sistema di chiusura della porta che scivolò sulle guide aprendosi. Davanti a loro sembrava scoppiato l'inferno. Quello che doveva essere il laboratorio scientifico della nave era ora totalmente distrutto. I due entrarono nella stanza guardandosi attorno, scavalcando paratie e scansando console ormai distrutte. Fu proprio sotto ad una delle paratie che sentirono provenire un rumore. Pippo fu il primo ad accorgersi della bambina che lo guardava terrorizzata.
"Janette.. presto! Venga qui!" si abbassò sulla piccola "Stai tranquilla, siamo qui per aiutarti.. non aver paura"
La dottoressa si avvicinò controllando la piccola "Hey ciao" sorride per metterla a suo agio. Prese il tricorder iniziando la scansione sulla bimba storcendo le labbra e guardando i risultati "La paratia le sta comprimendo la gamba dobbiamo liberarla e portarla al più presto sulla Sheldon, qui non ho gli strumenti per curarla" guardò Pippo e poi il piccola "Ascoltami siamo qui per aiutarti ma tu ora devi essere coraggiosa"
La bimba sollevò lo sguardo verso la dottoressa osservandola con i suoi grandi occhioni da cucciola spaventata.
Cruz prese una fiala di Axonon e lo iniettò nel collo della bambina che lentamente scivolò nel mondo dei sogni. La dottoressa ripose poi tutto nel kit medico e si rimise in piedi "Ok, ora liberiamola" prese la paratia da un lato e, insieme a Pippo, le liberò la gamba.
=^= Qui Sheldon, quanto tempo vi serve? Qui la situazione si sta facendo piuttosto calda il prima possibile vorremmo levarci dalle scatole=^=
Pippo prese in braccio la povera bambina, sollevando lo sguardo verso Cruz, che portò la mano al petto sfiorando il comunicatore "Sheldon abbiamo bisogno di due minuti tempo di raggiungere il punto di teletrasporto" avviandosi poi con il tattico verso il punto di raccolta

Spazio sconosciuto - Nave Talassiana
30/7/2399 - contemporaneamente


Nicholas si faceva largo attraverso i corridoi semidistrutti della nave talassiana, cercando di raggiungere la plancia. Lungo il suo cammino poteva vedere i segni di distruzione lasciati dall'onda di antimateria.
Riuscì con fatica a raggiungere le porte della plancia, scardinò rapidamente il pannello di controllo e riuscì, infine ad attivare l'apertura della porta.
Il quadro che si palesò davanti a lui rifletteva a pieno la potenza distruttiva che poteva avere quell'arma. Tutti gli ufficiali presenti in plancia al momento dell'attacco erano ancora disposti nelle loro posizioni. Come statue di cera osservano lo schermo davanti a loro che inquadrava la stazione spaziale e le due stelle gemelle.
Nicolas si guardò attorno attonito, chiuse gli occhi per qualche secondo come a voler ricacciare indietro il senso di frustrazione che lo assaliva al momento, poi avanzò facendosi largo tra i detriti della plancia cercando di raggiungere la console del capitano. Aprì il kit ingegneristico che si era portato dietro, e in poco tempo riuscì a dare energia alla console "Perfetto" ammise tra sé e sé mentre iniziava a scaricare di dati del computer della nave.
=^= Qui Sheldon, quanto tempo vi serve? Qui la situazione si sta facendo piuttosto calda il prima possibile vorremmo levarci dalle scatole=^=
Spalancò gli occhi sentendo la comunicazione "Maledizione" sussurrò infastidito mentre portava la mano al comunicatore "Sto recuperando i dati dalla console tempo stimato cinque minuti al punto di estrazione"
Attese pazientemente il tempo di trasferimento dei dati per poi quasi strappare i cavi di collegamento per sganciare il pad avviandosi poi, rapidamente, all'uscita.

Spazio sconosciuto - Sheldon
30/7/2399 - Contemporaneamente


"Niente da fare Capitano la squadra ha bisogno ancora di circa cinque minuti di tempo per terminare la missione"
Adrienne annuì all'addetto alle comunicazioni e si alzò portandosi al centro della plancia "Aprire un canale di comunicazioni su tutte le frequenze" tornò a voltarsi verso le comunicazioni e al cenno del guardiamarina prosegui "Qui Capitano Adrienne Faith, al comando della nave stellare Sheldon. Non abbiamo intenzioni bellicose, ma siamo pronti ad utilizzare tutta la potenza di fuoco a nostra disposizione. Qualsiasi azione ostile verrà interpretata come atto di guerra e come tale perseguito"
La plancia era immersa nel silenzio, rotto soltanto dal lieve ronzio che ricordava a tutti di esser ancora in allarme rosso tutti i presenti erano intenti a controllare le proprie console, pronti a reagire al minimo cambiamento
Blake attivò i propulsori di manovra facendo muovere la Sheldon su una rotta trasversale rispetto alla base, allontanandosi lentamente dalla nave Talassiana.
"Fanno fuoco" rapportò il facente funzioni tattico. Tutti gli ufficiali si bloccarono sulle console tenendosi pronti all'impatto.
Il timoniere si limitò ad attivare le manovre evasive già caricate nella console. La Sheldon reagì immediatamente invertendo la spinta dei motori di sinistra e attivando alla massima potenza i motori di destra, facendo ruotare la nave sul proprio asse. Il raggio di antimateria andò a schiantarsi sugli scudi periferici della nave schivando la parte sensibile della nave. L'impatto scosse comunque la Sheldon, tanto che il personale che non era ben assicurato cadde a terra.
"Colpo di striscio" rapportò il tattico per poi continuare "Rilevo lancio multiplo di siluri spaziali"
Adrienne strinse i braccioli della poltrona di comando fino a farsi sbiancare le nocche delle mani "Contromisure! Agganciare il bersaglio e fare fuoco!"
Tutti in plancia reagirono istantaneamente. Kelley deviò l'energia ausiliaria agli emettitori degli scudi, il timoniere attivò le manovre di ingaggio per attaccare la base. Il sistema automatico di difesa agganciò i siluri in arrivo e li distrusse con rapidi colpi di phaser. Mentre il tattico, dopo averla agganciata, scagliò una salva di missili verso la base.
I siluri in arrivo esplosero a metà strada tra la base e la nave. La Sheldon scivolò agile attraverso i residui delle esplosioni lanciando una salva di siluri verso la base che impattarono contro gli scudi praticamente azzerandoli. Dopo un ampio giro, per disingaggiarsi dall'attacco della base, la Sheldon si posizionò per lanciare l'attacco presumibilmente definitivo.
"Comunicazione in ingresso. E' la squadra di sbarco. Dicono che è urgente" rapportò l'addetto alle comunicazioni rivolto al capitano
"Proprio adesso? La diffonda" rispose immediatamente il capitano
=^= Qui squadra di sbarco pronti al recupero. Qualsiasi cosa succeda non distruggete la base=^=
"Cosa???" rispose esterefatta Adrienne alzandosi dalla poltroncina "Ok ok.. tenetevi pronti, veniamo a prendervi e poi mi spiegate tutto. Sheldon chiudo" chiusa la comunicazione Faith si rivolse agli ufficiali in plancia "Recuperiamo la squadra e poi entriamo in curvatura, dobbiamo allontanarci da qui. Appena pronti attivare!"
"Signore, la sonda si sta spostando verso la nave talassiana" intervenne Kelley seguito a ruota dal tattico "Se dovessero subire un attacco ora sarebbero distrutti"
Adrienne tornò a sedersi alla poltrona di comando "Distruggete quella sonda"
La Sheldon si mosse rapida passando sopra la sonda in spostamento. Due colpi di phaser ben assestati e la sonda esplose spargendo detriti nello spazio. Poi la Sheldon puntò sulla nave Talassiana avvicinandosi per il tempo necessario al teletrasporto, quindi si allontanò entrando in curvatura e scomparendo alla vista.


Spazio sconosciuto - Sheldon - Sala Tattica
30/7/2399 ore 23.00


La nave si era spostata di alcuni anni luce e monitorava costantemente la zona occupata dalla base. Tutti gli ufficiali superiori erano in riunione nella sala tattica della nave. All'appello mancava solamente Rush che era ancora impegnato nello studio dei dati recuperati dalla nave.
"La bambina Akritiriana è stabile, siamo riusciti a salvargli anche la gamba. Anche se non sappiamo ancora quali ripercussioni psicologiche abbia comportato veder distruggere la nave su cui viaggiava. Abbiamo risvegliato la ragazza talassiana, ma da ancora segni di squilibrio. La manteniamo in stasi per la sua e la nostra sicurezza capitano."
Il capitano annuì osservando i presenti "Chi mai potrebbe aver costruito quella base? E perché programmarla per distruggere ogni forma di vita biologica?"
"I Talassiani...." Rispose semplicemente Nicholas facendo il suo ingresso. Si mise sull'attenti per salutare i presenti "Siamo riusciti ad estrarre molti dati da quelli che abbiamo recuperato dalla nave. Sono stati i talassiani stessi a costruire quella base. Le due stelle gemelle che abbiamo visto sono arrivate al termine della loro vita e hanno iniziato una grossa produzione di antimateria nel loro nucleo" guardando i colleghi "Se l'antimateria raggiungesse un punto critico le due stelle si annichilerebbero diventando delle supernove. I talassiani hanno costruito quella base per consentire una continua estrazione di antimateria allungando, seppur di poco, la vita delle stelle." storse le labbra "Secondo le nostre stime" indicando Kelley "Circa mille o duemila anni non di più" lasciò qualche secondo ai colleghi per assimilare la notizia "Il fatto è che l'estrazione dell'antimateria è andato via via diminuendo fino ad interrompersi. E la nave che è stata distrutta aveva appunto il compito di andare a scoprirne il motivo."
Davanti a loro apparve uno Sheldon vestito da dottore. "E' colpa di chi ha creato il sistema informatico della base. L'ha dotata di un AI piuttosto stupida. L'avevano programmata per impedire che qualcuno potesse accedere alla base. Era una direttiva protettiva nessun essere vivente potrebbe vivere in quel punto. Ma l'hanno dotata della possibilità di auto adattarsi e lei ha esteso la direttiva a nessun essere vivente deve esistere vicino alla base"
Adrienne alternò lo sguardo tra lo Sheldon, Kelley e Rush "Bene abbiamo una AI impazzita che spara raggi antimateria nel cosmo e non possiamo distruggerla. Sempre meglio, cosa potrebbe mai succedere d'altro?"
Sheldon la guardò "E ha anche capacità di autoriparazione con quel che ha a disposizione probabilmente ora sta inviando sonde sulla nave talassiana per recuperarne i pezzi"
"Ma che bella notizia" rispose Adrienne appoggiandosi allo schienale della poltroncina massaggiandosi gli occhi "Dobbiamo trovare una soluzione"

Pianeta Xandros - Luogo sconosciuto
31/7/2399 ore 00.27


Dopo essersi rifocillati Kyel e Amir stavano riposando stesi su due cristalli. Apparentemente molto scomodi, avevano scoperto in breve tempo che i cristalli erano in grado di generare un piccolo campo antigravità che li faceva fluttuare a qualche centimetro d'altezza rendendo il loro riposo del tutto confortevole.
Paul si ricongiunse a loro camminando perfettamente ed andandosi a sedere su uno dei cristalli chiese "Allora cosa ne pensate?"
Kyel si mise diritto seduto sul cristallo guardando i due colleghi "Che sono delle gran gnocche? Forse fratricide, ma indubbiamente gnocche" guardando i due
"Non intendevo quello" Rispose Paul stringendo le labbra "Sembrano un popolo piuttosto pacifico, e decisamente avanzato"
Amir annuì osservandolo "Decisamente avanzato anche se è tutto grazie a questa specie di cristalli. Sarei curioso di analizzarli con i sensori della nave"
Kyel li guardò alternando lo sguardo tra i due "Decisamente siamo fuori dalla prima direttiva. Sanno dell'esistenza di altri popoli e sanno viaggiare a curvatura. Anche se non capisco perchè abbiano deciso di non muoversi più dal pianeta. Ma soprattutto non capisco perché abbiano dovuto uccidere quella ragazza"
"Perchè la rigenerazione è un processo dolorosissimo" Rispose Cassilda che era giunta dietro di loro senza emettere il minimo rumore. "Venite"
Li guidò attraverso un lungo corridoio che sfociava in una grande stanza, al centro della quale era posto un enorme cristallo. Improvvisamente il cristallo iniziò a pulsare per poi aprirsi rivelando al suo interno un essere totalmente uguale a Tria completamente nuda. Immediatamente due uomini la raggiunsero facendole indossare la lunga tunica.
Tria ringraziò facendo un lieve inchino e poi si avvicinò a Cassilda "Somma Cassilda" facendo un lieve inchino per poi guardare i tre federali completamente sbigottiti ripetendo il gesto "Sommi prescelti"
Cassilda sorrise osservando la donna "Giovane Tria bentornata a noi" poi si volse verso i tre guardandoli "Il processo di assimilazione e rigenerazione è molto doloroso, nessun essere è in grado di sopportarlo. Chi l'ha fatto l'ha descritto come se tutte le ossa del corpo vengano spezzate nello stesso istante." estrasse il cristallo con cui aveva ucciso Tria "Di contro la morte tramite questo non provoca nessun dolore"
Cassilda ripose il cristallo per poi guardarli "Questo è il nostro segreto. E la nostra maledizione. Una volta che si viene rigenerati dal cristallo non si può più lasciare il pianeta."
Kyel e Amir si voltarono entrambi verso Paul spalancando gli occhi essendo stato curato dalle Leithiane
Cassilda sorrise lievemente "No, non vi preoccupate, il vostro amico è stato curato con i metodi tradizionali. Non è nostra usanza costringere qualcuno a rimanere contro la sua volontà. E' anche per quello che abbiamo creato quella finta civiltà in superficie. E' così arretrata che nessuno si avvicinerebbe rischiando di morire per una civiltà per nulla interessante"
Kyel storse le labbra fessurando lo sguardo "Tranne dei poveri pazzi che sono curiosi come scimmie.." scatenando nei colleghi e in Cassilda una risatina.
Come in precedenza uno dei cristalli iniziò a pulsare per poi far apparire una squadra di Leithiane che portavano con loro però qualcun'altro. Ci volle poco ai federali per riconoscere il corpo del loro timoniere Floyd.
Cassilda osservò le donne e poi si rivolse ai federali "Abbiamo recuperato la vostra navetta e il corpo del vostro amico. La vostra fisiologia è compatibile con il processo di rigenerazione, ma ora sapete quali sono le conseguenze" osservandoli "Possiamo riportarlo in vita ma se lo facessimo non potrebbe mai più lasciare il pianeta, è un vostro uomo e la scelta sta a voi.."
Paul e Amir osservarono il loro amico che si era sacrificato per loro per poi sollevare lo sguardo verso il loro primo ufficiale.