Home Home
 
 
 
 
 
 
USS ERINLE - MISSIONE 04 RSS USS ERINLE - Missione 04

04.05 "Alleanze Svelate"

di Alexis Draen, Pubblicato il 08-07-2019

Erinle - Ufficio del capitano
12 Novembre 2398 Ore 8.00


Sinclair Koll e Chorate erano in piedi davanti al primo ufficiale che scorreva su un pannello olografico le ultime informazioni.
"Intanto che siamo fermi qui in attesa del ritorno del capitano e gli altri voi farete una prima indagine nell'area di scomparsa della U.S.S. Saratoga" Toran sollevò lo sguardo verso di loro "Non cacciatevi in guai più grossi di voi. Arrivate scansionate prelevate campioni se vi è necessità e poi tornate indietro. Intesi?. Al vostro rientro decideremo il da farsi. Ora in libertà signori"
I tre si posero sugli attenti prima di voltarsi ed uscire dalla stanza.
Appena fuori Koll si volse verso Sinclair e Chorate "Quanto tempo serve prima della partenza?"
Sinclair guardo il capo ops per poi rispondere "Signore il runabout Sherridan è già allestito per le scansioni scientifiche credo che con un intervento relativamente rapido sarà pronto entro un'ora" Chorate annuì "Penso anche meno tra quarantacinque minuti saremo pronti alla partenza"
Koll annuì "Perfetto tempo di recuperare qualche kit medico d'emergenza e ci vediamo in hangar navette" avviandosi verso il TL.



Runabout Sherridan
12 Novembre 2398 Ore 10.00

La navetta uscì dalla curvatura a circa duecento chilometri dal punto in cui il trasponder della U.S.S. Saratoga aveva smesso di trasmettere. Quello che si trovarono davanti fu decisamente sconcertante. Tutto il settore era invaso da rottami di varie forme.
I tre restarono a guardare i rottami spaziali per qualche secondo incapaci anche solo di immaginare che quella potesse essere la Saratoga.
"Avviare una scansione" Ordinò Koll rompendo il silenzio che si era creato
Chorate eseguì immediatamente l'ordine osservando decisamente stupito i dati che arrivavano dal computer "Tenente rilevo detriti di due navi diverse, ma nessuna di loro di fattura federale." alzando la testa guardando l'ufficiale medico "Poi c'è un'altra cosa piuttosto anomala....non vi sono tracce biologiche, è come se avessero fatto detonare due navi senza nessuno a bordo. Forse avvicinandoci potremo fare qualche controllo sui rottami e recuperarne qualcuno"
Koll si alzò dalla poltroncina avvicinandosi alla console occupata dal capo operazioni "Come è possibile non ha nessun senso! Sinclair ci porti a distanza sensori a corto raggio"
Dopo un rapido tocco alla console la navetta iniziò a scivolare silenziosa verso i rottami, man mano che si avvicinavano le scansioni si fecero sempre più precise.
"Qualsiasi cosa sia successa la Saratoga è stata coinvolta." proruppe Chorate evidenziando alcune scansioni "Ci sono tracce dei suoi phaser sui detriti. Credo che siano i due mercantili scomparsi. Possiamo provare a recuperare qualche rottame per poi analizzarli sull'Erinle..."
"Signore rilevo una nave in avvicinamento nessun trasponder. Possibili ostili" disse Sinclair richiamando le manovre evasive alla console pronto a disingaggiare la navetta.
"Attivare gli scudi pronti alle manovre evasive" ordinò Koll tornando alla propria poltroncina assicurandosi alla poltroncina
Man mano che il contatto si faceva più vicino i tre poterono vedere l'inconfondibile forma di una classe Miranda. Le fiancate portavano i segni di uno scontro a fuoco e sulla sezione a disco c'erano parecchie falle, ma era ancora riconoscibile il nome impresso... U.S.S Saratoga
"Signore è la Saratoga. Sono malconci ma sono vivi! Chiamata in ingresso! Ci stanno chiamando"
Koll si alzò in piedi portandosi davanti al monitor della navetta aprendo la comunicazione, il volto del capitano Ramins apparve sul piccolo schermo
"Qui Tenente Koll della U.S.S Erinle siamo stati mandati a controllare la vostra situazione. Vedo che avete subito dei danni avete bisogno di supporto?"
=^= Qui capitano Ramins abbiamo avuto uno scontro a fuoco con due mercantili ribelli ma abbiamo avuto la meglio. Abbiamo ancora qualche problema con il trasponder e le comunicazioni a lungo raggio, ma stiamo riparando tutto in circa due giorni saremo totalmente operativi e riprenderemo la nostra missione esplorativa verso Enderer.=^=
A quelle parole qualcosa scattò nella mente degli ufficiali "Comprendo capitano e quanto durerà la vostra missione esplorativa?"
Ramins si rilassò vedendo che Koll stava ponendo le domande giuste =^=Probabilmente venti o trenta giorni, ma il mio equipaggio ha stoccato parecchie risorse nelle stive. Il problema è che nello scontro abbiamo perso tutti i nostri chip ludici e i turni di pausa sono un po' noiosi =^= sia il capitano che Koll risero come fossero vecchi amici, poi l'ufficiale medico riprese "Perfetto Capitano lieti di avervi visto ancora interi. Per quanto riguarda le simulazioni vi trasporto i nostri chip isolineari, vedrete che vi saranno utili." Facendo poi un cenno a Chorate di effettuare il trasporto "Buon viaggio signore" facendo il saluto per poi chiudere la chiamata.
"Sinclair ci porti via da qui curvatura tre" strinse le labbra fissando la console "Maledizione dobbiamo allertare l'Erinle, la Saratoga è stata abbordata ed è sotto il controllo dei contrabbandieri"
Sinclair attivò i motori tracciando la rotta verso la nave madre. "Venti o trenta persone e l'equipaggio è chiuso nelle stive?" Koll si limitò ad annuire, per poi attivare una comunicazione subspaziale con la propria nave su un canale criptato "Qui runabout Sherridan. Abbiamo trovato la Saratoga è stata attaccata. Attualmente è in mano ai contrabbandieri abbiamo trasportato a bordo un chip isolineare tracciante. Appena lo inseriranno per i loro sensori noi saremo invisibili. Ci mettiamo in inseguimento ci serve supporto armato appena possibile"


Palazzo del governatore - Sala teletrasporto
12 Novembre 2398 Ore 14.00


Drax e il governatore si dirigevano con fare calmo verso la sala teletrasporto.
"Governatore grazie delle magnifica serata. E grazie di avermi ospitato nel vostro palazzo per la notte" Sorrise tranquilla Drax mentre una voce nella sua testa aggiungeva sarcastica Non dimenticare la piacevole chiacchierata che fece nascere un sorriso sul viso del capitano.
"Grazie a voi di averci omaggiato con la vostra proficua presenza" spostandosi per far passare la donna facendola entrare per prima nella sala teletrasporto.
Entrata nella sala Sidzi si trovò davanti il suo ufficiale scientifico e l'ufficiale tattico della nave, che portava eloquenti segni della piacevole nottata appena passata.
"Signori" osservandoli "Deduco che la nottata è stata decisamente interessante anche per voi" Sicuramente più della nostra Proruppe ancora il simbionte mentre tutti e tre salivano sulla piattaforma di teletrasporto. Pochi secondi dopo il fascio del teletrasporto avvolse i tre federali facendoli scomparire alla vista.



Nave sconosciuta
12 Novembre 2398 Ore 14.00

La prima cosa che Drax, Naholo e O'Lauglin sentirono quando apparvero sulla piattaforma ricevente fu la forte puzza di stantio e prodotti chimici. La seconda erano l'inconfondibile rumore dei phaser quando si caricano.
Fregati. Disse la voce nella mente del capitano mentre attorno a loro cinque umani, una klingon e un romulano puntavano loro le armi contro.
"S..salve signori ci deve esser stato un piccolo errore" esternò speranzosa Drax mentre sollevava le mani in segno di pace
"Nessun errore capitano Drax" Da dietro la prima linea un orioniano si fece largo verso di loro mentre i suoi amici si premunivano di disarmarli.
"Sono Tariel il capitano di questa nave e voi siete i miei preziosi prigionieri" si voltò "Avremo modo di discutere molto nelle prossime ore, ora portateli nelle celle" voltandosi "Come potete immaginare non mi va di stare troppo tempo qui vicino alla vostra Erinle" quindi si avviò verso uno dei corridoi della nave senza lasciare tempo ai tre di rispondere.
"Avanti camminate" la klingon diede una spinta con il calcio del fucile phaser sulla schiena della scientifica sospingendola verso le celle "Quasi quasi preferirei che quei codardi della federazione non accettino la proposta, con questi due bocconcini potremmo farci parecchio al bordello" ridendo passando accanto a Naholo "E tu invece potresti essere il mio bocconcino personale" dandogli una pacca sul fondoschiena
Il tenente della tattica al mal gradito contatto rispose sferrando un pugno in faccia alla klingon che presa alla sprovvista cadde all'indietro. "Piuttosto che accettare preferisco morire adesso" Immediatamente il resto della scorta sollevò i phaser verso i tre
La klingon fece un cenno verso gli altri "Fermi mi piacciono i bocconcini piccanti" si rimise in piedi fissando l'uomo "vedrai ci divertiremo io te" ridendo minacciosa "Avanti in cella" sospingendoli verso una cella facendoli entrare per poi attivare i campi di forza.



USS Erinle
12 Novembre 2398 Ore 14.00

La nave fu invasa dallo stridulo rumore dell'allarme rosso, Toran si precipitò in plancia osservando Soraya che in quel momento stava tenendo la plancia.
"Rapporto rapido! Che diavolo sta succedendo?"
La consigliera era in piedi dietro all'ufficiale tattico
"Signore una nave ostile, si è disoccultata appena sopra il pianeta e abbiamo rilevato il teletrasporto di quattro segni vitali. Sono riusciti a rioccultarsi e sono scomparsi dai sensori"
L'ufficiale scientifico finì in quel momento la scansione "Signore confermo i nostri non sono più presenti sul pianeta..." lasciando in sospeso la frase, ma tutti sapevano ciò che significava.
Toran si portò alla poltroncina di comando prendendo posto "Massima potenza ai sensori dobbiamo trovarli" poi rivolto al timoniere "Probabilmente vogliono lasciare il territorio federale il più in fretta possibile. Tracci una rotta per intercettarli attivare appena pronti"
Il timoniere sfiorò appena la console e immediatamente l'U.S.S. Erinle sfrecciò in curvatura.


Nave sconosciuta
12 Novembre 2398 Ore 15.00


Due piantoni si erano piazzati davanti alla cella in cui erano rinchiusi i tre federali osservando le due donne con aria decisamente interessata
"Vista la vita che le aspetta da dopodomani stasera potremmo divertirci. Magari con tutte e tre" indicando la cella accanto alla loro occupata da un'altra donna umanoide
"Tu non farai proprio nulla" rispose la Klingon che era entrata in quel momento "La merce ci serve integra non ammaccata, non ho intenzione di perdere dei crediti per il tuo divertimento...quando le avremo vendute e intascato i soldi potrai affittarle come tutti" quindi si avviò verso la cella della donna disattivando il campo di forza "Avanti con me" prendendola malamente per un braccio "Tenere due celle attive consuma troppa energia. Tanto vale tenerli tutti insieme tanto non avranno nessuna possibilità di andarsene da qui" e disattivato il campo di forza della cella federale scagliò la donna verso Naholo affinché la prendesse. I piantoni sollevarono immediatamente i phaser puntandoli sui federali affinché non facessero brutti scherzi "Fate amicizia passerete molto tempo insieme.....sempre che non vi rivendano" poi riattivò il campo di forza ridendo dirigendosi al TL
L'ufficiale tattico si trovò la donna tra le braccia e fissò in cagnesco la Klingon "La pagherete prima o poi riusciremo ad uscire da qui ce la pagherete cara ve lo posso assicurare" alzando via via la voce man mano che la klingon si allontanava. Poi tornò ad osservare la donna "Si sente bene? Cosa le è successo?"
La donna appariva denutrita e decisamente impaurita, cercò di mettersi di nuovo sui suoi piedi. "I sono Mariky la moglie del primo ministro Arkady del pianeta Bentral. Sono stata rapita per.." ma O'Lauglin rispose per prima "Per far pressione su suo marito affinchè interrompa i trattati con la federazione"
La donna annuì "Quello che però su Bentral non sanno è che siamo stati traditi. C'è una persona che sta tramando affinchè i trattati vadano in fumo"
Sidzi strinse le labbra, in effetti qualcosa non l'aveva convinta fin da quando erano sbarcati sul pianeta.
Naholo aiutò la donna a sedersi sulla panca poco distante osservandola. "Chi è quel maledetto figlio di un....."
"Ma ovviamente io" la voce veniva dalle loro spalle appena fuori dalla cella, voltandosi i tre si trovarono davanti il capitano della nave Tariel accompagnato dal governatore Heinal che sorrideva serafico guardando i tre federali "Speravamo di riuscire a prendervi tutti e cinque, ma quei due hanno deciso di tornare a bordo prima e il mio caro amico Tariel non era ancora in posizione per prenderli, ma sono certo che il capitano Drax sia un'ottima merce di scambio."
Mia cara mi sa che quelli fregati siamo stati noi. Drax si scagliò verso Heinal fermandosi a qualche centimetro dal campo di forza "Quindi tutti quei discorsi sul futuro del pianeta erano solo aria fritta"
"Ma certamente no capitano io sono veramente interessato ai miei concittadini." ridacchiando "In fondo sono loro che mi renderanno ricco Quei bifolchi scavaminiere non si rendono neppure conto di quello che sta accadendo. Non hanno abbastanza cervello per capire che li stiamo avvelenando. Ovviamente non sono da solo tutti i ministri sono d'accordo con me tranne uno" fissando la donna "lui e i suoi maledetti seguaci pensano ancora che aiutare la federazione sia la cosa migliore. Loro estraggono il tantalio e il popolo di Bentral vive felice e in pace.....ma chi se ne frega"
Mariky scattò in piedi avvicinandosi al campo di forza "Ma Bentral è la tua casa quando non sarà più vivibile che ne sarà del tuo popolo"
"No mia cara è qui che ti sbagli Bentral era la mia casa. Io ho già pronta un'altra dimora su Actaris 2 e mi consolerò con l'infinito mare di latinum che mi procurerà l'estrazione intensiva di tantalio. Questo è il mio destino e se per realizzarlo dovrò passare sulla vita di qualche essere inferiore come i bactraliani che sia così. Solo una cosa mi dispiace che nessuno di voi sarà qui a vedere quando accadrà" Detto questo si voltò avviandosi verso l'uscita.
Drax fissò il governatore con sguardo di puro odio "Heinal ascolta bene le mie parole quando uscirò da qui tu sarai la prima persona che verrò a cercare e me la pagherai, me la pagherai carissima" Non dovresti fare promesse che non puoi mantenere sai?
Tariel fisso Drax decisamente divertito "Capitano capitano....non dovrebbe far promesse che non potrà mai mantenere" e anche lui se ne andò lasciandoli soli.



USS Erinle
12 Novembre 2398 Ore 15.00


La nave ormai viaggiava in curvatura ormai da un'ora e la plancia era ancora immersa nel più totale silenzio, solo il rumore delle dita che sfioravano le console rompeva quel silenzio assordante.
"Ancora?" proruppe l'ufficiale scientifico mentre guardava la console
Toran voltò il capo verso di lui "Che succede guardiamarina qualche notizia dei nostri?" decisamente nervoso.
"No signore nessuna, penso che sia ora di far sistemare i sensori della vecchia signora. Secondo loro davanti a noi c'è una scia di microparticelle di Tellurio"
Toran si alzò portandosi dietro di lui guardando la console "Potrebbe essere la scia della nave che stiamo cercando?"
Il guardiamarina increspò le labbra guardandolo "E' altamente improbabile signore fanno di tutto per nascondersi con l'occultamento e poi lasciano una scia del tellurio di curvatura?"
"Se stanno viaggiando occultati non possono usare i sensori attivi è probabile che non se ne siano accorti. Oppure qualcuno ci sta facendo un grosso favore. So che non è molto, ma al momento è l'unica traccia che abbiamo. Timoniere tracci la nuova rotta"



Nave sconosciuta
12 Novembre 2398 Ore 17.00


I due piantoni erano ancora lì a fissare i prigionieri raccontandosi a vicenda i torbidi desideri sulle donne presenti.
Dopo alcuni secondi la Klingon entrò nella sala portando con sé le armi dei federali "E poi dicono di voler salvare l'universo....." mostrando le armi ai piantoni "Guardate con cosa girano dei miniphaserini che non funzionano neppure per pulirsi i denti" tutti e tre risero di gusto, poi la klingon prese il proprio fucile che portava in spalla avvicinandosi al campo di forza "Questa è un'arma che si può definire tale! Se devo sparare a qualcuno devo esser sicura che non si rialzi..." poi si girò verso i due piantoni facendo fuoco su di loro "Così imparate ad avere un po' di rispetto per le donne" si girò verso i quattro nella cella che la osservavano ancora con gli occhi sgranati e le bocche socchiuse decisamente stupiti
"Ma che....." emise flebile Naholo
La Klingon inclinò il capo per poi avvicinarsi per disattivare il campo di forza "Salve sono il Tenente Draen della federazione, ma direi che non è il tempo di indugiare nei convenevoli tra poco quel borioso di Tariel arriver...."
L'apertura delle porte alle sue spalle la prese un po' alla sprovvista "Sbagliato tenente sono già qui. Dall'ultimo scalo non mi sembravi più la stessa e ora so il perché" dietro di lui almeno cinque persone entrarono con i fucili spianati puntandoli sulla finta collega
"Ora come immaginerai condividerai la sorte dei tuoi colleghi"
"Prima di farmi condividere la loro sorte posso suggerirti di ascoltare la comunicazione che sta per arrivare?"
Tariel osservò la donna decisamente interrogativo "Non mi sembra che arriv...." venne interrotto da una comunicazione dalla plancia
=^= Capitano qui plancia la U.S.S Erinle è arrivata nel nostro settore sta trasmettendo su tutte le frequenze ordinando di arrenderci^=^
Tariel osservò la klingon spalancando gli occhi poi rispose alla comunicazione "Come diavolo hanno fatto??? Uscire dalla curvatura. Siamo ancora occultati vero?"
La klingon schioccò le dita "Ecco lo sapevo che mi ero dimenticata qualcosa. Computer protocollo ciao ciao"
Le luci nella sala sfarfallarono brevemente mentre i campi di forza davanti alle celle si disattivarono.
=^= Signore occultamento disattivato armi e scudi fuori linea. Trenta secondi all'espulsione del nucleo=^=
Tariel puntò i phaser verso i federali "Voi maledetti cosa avete fatto alla mia nav..." ma le parole vennero dette ai muri poi che proprio in quel momento tutti e cinque vennero avvolti al teletrasporto per esser trasportati via.



USS Erinle - Plancia
12 Novembre 2398 Ore 17.00


"Signore siamo prossimi alla fonte di quelle tracce" fece rapporto lo scientifico che non aveva staccato gli occhi dalla console per un solo secondo.
Toran si alzò portandosi al centro della plancia "Trasmettere su tutte le frequenze. Nave occultata sono il comandante Toran della nave federale U.S.S Erinle avete rapito dei membri della flotta stellare. Arrendetevi e vi assicureremo un giusto processo"
Per qualche minuto non accadde nulla poi il tattico rapportò "Signore nave in disoccultamento dritta davanti a noi. La scansione rileva doppio scafo rinforzato scudi e disgregatori....ma è tutto disattivato."
"Signore rilevo cinque segni vitali federali" rispose l'ufficiale alla OPS "tre corrispondono ai nostri"
"Li porti immediatamente a bordo" poi sfiorò il comunicatore "Una squadra di sicurezza in sala teletrasporto." poi verso il tattico "Lei non tolga le armi da quella nave se solo accennano a muoversi li distrugga" tornando poi alla poltroncina di comando attendendo notizie dai suoi
"Signore non credo che andranno molto lontano il loro nucleo di curvatura è a zonzo nello spazio"
Un brivido percorse la schiena del primo ufficiale "Timoniere distanza di sicurezza non mi sembra il caso di dargli la possibilità di farci esplodere"



USS Erinle - Sala teletrasporto
12 Novembre 2398 Ore 17.00


I cinque si materializzarono sulla piattaforma del teletrasporto, immediatamente la squadra di sicurezza sollevò le armi puntandole, ma al cenno del capitano le abbassarono mettendosi sugli attenti.
Drax sfiorò il comunicatore "Drax a plancia cosa sta succedendo?" sentendo la nave muoversi.
=^= Signore la nave avversaria ha espulso il nucleo di curvatura è possibile che lo vogliano far saltare, sto portando la nave a distanza di sicurezza=^=
"Naaa devono riavviare completamente il loro sistema informatico ci vorranno almeno quattro ore prima che possano riattivare le armi. Sempre che non incappino in qualche piccola trappolina che ho messo"
Naholo fissò la donna con ancora le fattezze klingon "Come diavolo ha fatto?"
Draen sorrise guardandolo "l'ammiraglio T'li ha fatto in modo che mi sostituissi alla loro klingon quando stavano facendo uno scalo per dei rifornimenti. Il resto poi è stato facile. Hanno speso parecchio per allestire armi scudi e occultamento della nave ma non hanno speso nulla in difese informatiche. E' bastato modificare di pochissimo la pressione nella camera dell'antimateria perché lasciassimo quella scia di Tellurio. I loro sensori erano troppo obsoleti perché potessero scoprirla e la loro rete informatica era un vero colabrodo"
Poi si volse verso la moglie del primo ministro "Mi dispiace se sono dovuta esser rude in alcune occasioni, ma dovevo avere la loro fiducia prima di poterli fermare. L'arrivo del capitano e dei tenenti mi hanno costretta ad accelerare i tempi"
La donna si guardò attorno poi fece un flebile sorriso "Sono libera....?" poi scoppio in lacrime
=^= Signore una navetta sta lasciando la nave ostile un solo membro a bordo le scansioni lo identificano come il governatore di Bentral. =^=
Il capitano digrignò i denti sfiorando il comunicatore "Lo fer...." venne però interrotto da Draen "Capitano mi scusi. Lo lasci andare! Sono certa che il suo arrivo su Bentral non sarà come lui desidera. Ho provveduto ad inviare a tutte le emittenti del pianeta il bel discorso che vi ha fatto quando eravate in cella" sorrise con un sorriso sarcastico accentuato dalle fattezze klingon
Drax osservò la klingon "Mh mal che vada vivrà come un reietto" poi si avviò all'uscita della sala "Trasportate tutti i presenti su quella nave nelle stive di carico ho proprio voglia di fare una chiacchierata con un certo capitano di mia conoscenza"



-Flashback-
Ufficio Ammiraglio T'LI 6/11/2398 ora 13.56


Alexis uscì dal TL e si avviò verso l'ufficio del contrammiraglio con in mano un padd, accanto a lei camminava placida la sua cagnolina, una splendida golden di tre anni.
"Si si dopo andiamo a fare il bagno nel lago, ma ora devo consegnare i risultati all'ammiraglio"
Arrivò davanti all'ufficio della donna controllando l'orario, vide che mancavano quattro minuti all'ora dell'appuntamento e rimase ad aspettare. Portò la mano all'uniforme lisciandosela per essere al meglio del suo aspetto. Passati alcuni minuti, alle quattordici in punto prese un profondo respiro, poi allungò una mano e aprì la porta arrivando davanti all'attendente della donna "Buon pomeriggio sono il Tenente Alexis Draen ho un appuntamento con l'ammiraglio esattamente alle quattordici"
La donna sollevò lo sguardo sul tenente per poi annuire "Certamente" sfiorò un tasto sullo schermo davanti a lei "Ammiraglio il tenente Draen è giunto"
=^= La faccia accomodare =^=
Sentito il via libera Alexis si avviò verso la porta dell'ufficio della donna seguita dalla cagnolotta. "No Sherry non puoi venire con me Seduta e ferma!" per poi raggiungere la porta bussando entrando poco dopo "Tenente Draen a rapporto" mettendosi sugli attenti.
Sherry sentito l'ordine della donna si sedette per poi acciambellarsi restando li tranquilla.
La vulcaniana sollevò lo sguardo "Buon pomeriggio tenente" non fece accenno al fatto che era in orario o no d'altronde era perfettamente logico che si presentasse esattamente alle quattordici.
Draen sciolse il saluto avvicinandosi alla donna "Ammiraglio ho portato i dati che mi ha chiesto." mostrando il padd "Il mercato di schiavi più vicino a Bentral è situato su Ansiri terzo fuori dallo spazio federale. Se effettivamente la donna è stata portata su quel pianeta non abbiamo nessuna giurisdizione."
L'ammiraglio prese il padd e lesse i dati portati dalla donna. "Non hanno ancora raggiunto il pianeta la moglie del primo ministro è ancora a bordo di una nave. Non sappiamo la sua posizione, ma sappiamo che il capitano di quella nave ha un interesse particolare per alcune sostanze psicotrope. Si rifornisce al mercato nero di Cartal. E che ci andrà tra tre giorni.." riconsegnò il padd alla donna per poi scrutarla "Tenente lei come se la cava con il klingon..."