Home Home
 
 
 
 
 
 
USS ERINLE - MISSIONE 03 RSS USS ERINLE - Missione 03

03.06 "Conoscenze"

di Friedrich Koll, Pubblicato il 23-01-2018

Bar della Passeggiata, Deep Space 5 - 4 settembre 2397 - 0re 07:01


Il profilo della Erinle si stagliava, maestoso, a coprire la maggior parte del molo d'attracco e delle strutture per le manutenzioni. Friedrich sedeva scomposto su un divanetto nel bar, occhieggiando assorto dal vasto oblò verso il vascello che presto l'avrebbe accolto come Ufficiale Medico Capo.
Una bella nave, pensò, sorseggiando il tè in cui aveva sciolto la sua dose quotidiana di antidolorifici. Una nave da guerra. Sospirò, abbassando lo sguardo sulla sua bevanda. Non era andata bene, sulla prima nave da guerra su cui era stato... ma risollevò con risolutezza lo sguardo, riportandolo sullo scafo della Erinle: aveva già affrontato questi pensieri, più e più volte. La decisione era stata presa da mesi. I suoi bagagli erano già a bordo, doveva solo imbarcarsi.
Eppure, la concreta conseguenza delle sue scelte gli appariva ora penosa: non aveva davvero voglia di lasciare quel divanetto, e non trovava in sé il desiderio di conoscere il suo nuovo capitano. Sospirò di nuovo e appoggiato sul tavolino il proprio tè afferrò il padd. Mentre gli antidolorifici facevano il loro effetto, avvertì il familiare rush di energia fornitogli a quell'ora dalle nanosonde, come effetto secondario dell'ottimizzazione metabolica dei farmaci e della colazione. Rapidamente tornò alla scheda personale del capitano Trill. Carina, si disse distrattamente, prima di storcere la bocca. Un profilo militare, per un organismo dalla memoria lunga. Chissà cosa pensava dei suoi trascorsi e delle sue intemperanze. Inutile pensarci ancora, ci aveva già pensato tutto il tempo che era stato in grado di sopportare. Via il dente, via il dolore. Si tirò in piedi e sfiorò il proprio comunicatore, incamminandosi verso il pontile.
=^= Tenente Friedrich Koll a Capitano Drax della Erinle. Chiedo il permesso di salire a bordo. =^=
=^= Bentrovato, Tenente, la stavamo aspettando! Permesso accordato. Desidero vederla immediatamente, se non le dispiace. =^=, rispose immediatamente una voce femminile.
Friedrich strinse la mascella. La risposta gli uscì meccanica, la voce roca.
=^= Certamente, Capitano. =^=
Allungò il passo.



Saletta del Capitano, USS Erinle - 4 settembre 2397 - 0re 07:12


Quanto era *grossa* una classe Norway? Irritato e vagamente imbarazzato per non avere trovato la saletta del capitano a colpo sicuro, Friedrich cercò di rilassare viso e spalle mentre la porta si chiudeva alle sue spalle, e sfoggiò il miglior sorriso di circostanza nel raggiungere la scrivania della sua nuova comandante per tenderle la mano.
"Buongiorno, Capitano Drax. E' un piacere conoscerla di persona."
La stretta della Trill era sicura, ed il suo sguardo tagliente, venato di... malizia? Cortesia? Curiosità? Koll non seppe determinarlo. "Ben arrivato! Si accomodi. So che ha già preso visione dei materiali medici e dei ruolini del personale di bordo..." iniziò questa, riadagiandosi con grazia nella poltrona da capitano. "...sono certo che troverà tutto in buon ordine. Le consiglio di iniziare con una riunione del personale, le debite presentazioni, e con una revisione completa dei dispositivi e dell'inventario. I rapporti per l'XO li può depositare nell'unità centrale..."
"Conosco il mio lavoro, grazie." disse Friedrich, sorridendo, sedendosi a sua volta nella sedia davanti alla scrivania, e rendendosi conto con un attimo di ritardo di averla interrotta bruscamente. "...ma la ringrazio, Capitano. Sì, è proprio quel che intendevo fare. E sono certo che avrò bisogno di qualche consiglio da parte sua, in questi giorni: la prego in anticipo di scusarmi se la disturberò per chiederle qualche dritta."
Il Capitano non parve rabbonito da quella subitanea retromarcia. Lo sguardo della Trill si fece più diretto, la sua espressione più volitiva. "Le assicuro che non mi darà alcun disturbo, Tenente. Del resto mi aspetto di avere un primo rapporto sullo stato della sezione medica già domani, e di vederla sin da stasera al briefing ufficiali, quindi non esiti a domandare a me o agli altri ufficiali superiori qualsiasi cosa le serva per operare con efficienza. Su questa nave abbiamo un certo... *rispetto* delle formalità, e cicli di lavoro impegnativi, e una generale concordia basata sul fatto che ognuno compie il proprio lavoro *puntualmente*."
Friedrich arrossì e soppresse con veemenza qualsiasi tentazione di una risposta piccata. Annuì con entusiasmo, e con completa sottomissione. "Ovviamente, Capitano, ovviamente. Non chiedo di meglio. E' mio... desiderio mettermi alla prova, e garantire un servizio impeccabile." La voce si fece più sincera, cercando lo sguardo di Drax. "Considero la Erinle una grande occasione, per me."
Drax sembrò soddisfatta, ma anche incuriosita. La sua voce divenne più delicata. "...occasione per... la carriera? Mi perdoni se sono franca, ma data la sua età e il suo ruolino..."
Friedrich scosse la testa. "No, non mi riferisco alla carriera. Vorrei... vorrei un posto da chiamare mio. Da chiamare casa."
Friedrich giurò di vedere un piccolo, soddisfatto lampo di comprensione negli occhi della Trill. Si domandò se non si fosse esposto troppo, ma il sorriso della comandante lo mise a suo agio.
"Se è solo questo, credo si troverà bene con noi. Penso che un Ufficiale Medico Capo con le sue aspirazioni e il suo carattere sia adattissimo a questo equipaggio. Del resto, se avessi pensato altrimenti non avrei approvato il suo trasferimento."
Ed alzatasi nuovamente, sorrise con maggiore enfasi e tese la mano di nuovo attraverso la scrivania. Era palesemente un congedo. Friedrich balzò in piedi, per stringerla con entusiasmo. Ora sorrideva anche lui. Si alzò e strinse quella che lei gli tendeva. "Grazie, Capitano."
"Prego." concluse il capitano, riaccomodandosi mentre Friedrich già camminava verso la porta. "E... si tenga pronto per la riunione ufficiali. Abbiamo alcune... situazioni, a bordo."
Friedrich si voltò a mezzo, alzando un sopracciglio. "...una nave federale con *situazioni* a bordo? Inaudito, non trova?" disse, sarcastico, prima che la porta gli si chiudesse alle spalle.



Infermeria, USS Erinle - 4 settembre 2397 - 0re 07:48


"Buongiorno. Cosa posso fare per lei?" chiese il giovane guardiamarina con una certa infastidita sollecitudine, scoprendo Friedrich intento a igienizzare una postazione con l'aiuto di un apposito dispositivo medico.
"Potreste ritarare i filtri ambientali. Sa che questa scrivania non era asettica?" rispose questo, continuando a lavorare.
"Questa scrivania è inutilizzata: è quella destinata all'ufficio medico capo."
"Eh! Ma non mi dica."
Solo allora gli occhi del guardiamarina caddero sul colletto dello sconosciuto. "Ah!"
Si riprese quasi subito. "...benvenuto a bordo, Tenente! Sono il guardiamarina..."
"...Franzis. Sì, lo so. Ho letto i ruolini. Lei è quello che ama il teatro. Può portarmi un altro igienizzatore? E radunare il personale medico per le *zero nove e zero zero*? Abbiamo un sacco di lavoro da fare. Grazie."
Mentre Franzis si allontanava, con la stessa scioccata urgenza di chi è appena stato morso da un serpente, Friedrich osservò i dati del tricorder, emise uno sbuffo soddisfatto, e si sedette sulla sua sedia. Si guardò intorno. Oltre il vetro che delimitava il suo ufficio, il personale medico andava e veniva, rivolgendogli occhiate incuriosite, rincorrendo Franzis per farsi aggiornare, e controllando i padd per confrontare la sua faccia con quella del ruolino di bordo appena aggiornato.
Sorrise, compiaciuto. Si concesse un paio di minuti di quell'attenzione, prima di immergersi negli inventari e nei referti da mandare a memoria.